AVVISO DI VENDITA

BENI SMARRITI IN AMBITO AEROPORTUALE

 

1)DESCRIZIONE DEI BENI

I beni posti in vendita sono costituiti: N.58 Lotti di beni smarriti

 

2)ONERI

Al prezzo di aggiudicazione andranno aggiunti i seguenti costi:

- Diritti d'asta: Diritti d'asta sono eguali al 18% di cui 9% a carico della procedura e 9% a carico dell’ aggiudicatario + IVA sui diritti.

 

 

3)CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE

Modalità di partecipazione alle vendite giudiziarie

Le operazioni di vendita si svolgeranno a mezzo commissionario con le seguenti modalità:

 

  1. Gara telematica - La vendita si svolgerà, per ciascun lotto, mediante gara telematica accessibile dal sito www.ivgnapoli.fallcoaste.it;

 

  1. Durata e pubblicità della gara - Il primo esperimento di vendita avrà inizio il giorno 13/12/2021 alle ore 15:00 e terminerà il giorno 20/12/2021 alle ore 15:00 al prezzo base della stima;

 

- la vendita verrà pubblicizzata sui siti internet www.ivgnapoli.fallcoaste.it www.astagiudiziaria.com e www.ivgnapoli.it, da effettuarsi almeno 10 gg. prima dell’inizio della gara, nonché sul bollettino ufficiale delle aste giudiziarie;

 

  1. Prezzo base - Il prezzo base di stima;

 

 

  1. Esame dei beni in vendita – I beni, potranno essere visionati previa prenotazione. Le richieste visite dovranno essere formulate a mezzo mail all'indirizzo info@ivgnapoli.it;

 

  1. Registrazione su www.ivgnapoli.fallcoaste.it.it - Gli interessati a partecipare alla gara e a formulare offerta/e irrevocabile/i di acquisto dovranno effettuare la registrazione utilizzando l'apposita funzione attivata sul sito www.ivgnapoli.fallcoaste.it;
 

 

I dati inseriti nella registrazione dell'account, saranno utilizzati per l'intestazione delle relazioni di aggiudicazione e relative fatture, qualsiasi richiesta post aggiudicazione non potrà essere presa in considerazione.

 

  1. Caparra

Una volta effettuata la registrazione al sito, l’interessato, per poter partecipare all’asta dovrà versare una caparra pari al 10% del prezzo base.

La caparra può essere versata con:

  • bonifico bancario, da effettuarsi entro e non oltre 3 giorni prima del termine della gara, entro le ore 12:00;
  • carta di credito, entro e non oltre il giorno dal termine della gara entro le ore 12:00,
  • assegno circolare non trasferibile, entro e non oltre 3 giorni prima del termine della gara, entro le ore 12:00, intestato a “I.V.G. Napoli” da depositare a mani, presso la sede operativa dell’I.V.G., sita in Giugliano in Campania (NA), Via San Francesco a Patria – Zona A.S.I., durante gli orari di ufficio;
  • in contanti, entro e non oltre un giorno prima del termine della gara, fino al limite previsto dalla normativa vigente, in tal caso, il versamento dovrà essere effettuato presso la sede operativa dell’I.V.G., sita in Giugliano in Campania (NA), Via San Francesco a Patria – Zona A.S.I., durante gli orari di ufficio.

 

  1. Offerta irrevocabile di acquisto – L'offerta di acquisto presentata è irrevocabile, la stessa perde efficacia quando viene superata da un'offerta superiore. Negli orari di apertura dell'Istituto Vendite Giudiziarie e nei limiti delle disponibilità dello stesso, potranno essere messi a disposizione degli interessati alcuni terminali per l'effettuazione delle offerte.

 

  1. Aggiudicazione e vendita L’Istituto procederà all’assegnazione del bene previo incasso dell'intero prezzo, a favore di chi, al termine della gara, risulterà avere effettuato l'offerta maggiore. Il pagamento del saldo dovrà essere effettuato entro 2 giorni lavorativi dall’aggiudicazione definitiva, con una delle seguenti modalità a scelta dell’aggiudicatario:
  1. mediante carta di credito, utilizzando l’apposita funzione presente sul sito (in tal caso sarà addebitata all’assegnatario anche la relativa commissione pari al 1,5% del prezzo di aggiudicazione);
  2. mediante bonifico bancario;
 
  1. direttamente presso la sede operativa dell’Istituto Vendite Giudiziarie, sita in Giugliano in Campania (NA), Via San Francesco a Patria – Zona A.S.I., durante gli orari di ufficio, mediante: bancomat o carta di credito (in tal caso sarà addebitata all’assegnatario anche la relativa commissione pari al 1,5% del prezzo di aggiudicazione), assegno circolare non trasferibile intestato a: "I.V.G. Napoli” o in contanti, in quest’ultimo caso rispettando i limiti di legge.

 

  1. Restituzione della caparra - La restituzione della caparra ai soggetti non risultati aggiudicatari avverrà con le seguenti modalità:
    • nel caso in cui la caparra sia stata versata con carta di credito, mediante il ripristino della piena disponibilità della stessa, senza alcun addebito. Su richiesta dell'offerente o in caso di sopraggiunte difficoltà nell'automatico ripristino della disponibilità della carta di credito, il commissionario procederà alla restituzione della caparra tramite bonifico bancario con addebito all'offerente delle commissioni bancarie;
    • nel caso in cui la caparra sia stata versata con Assegno circolare, Bonifico Bancario o in contanti, mediante bonifico bancario sul conto corrente indicato al momento della presentazione dell'offerta, con addebito all'offerente delle commissioni bancarie.

 

l) Consegna/ritiro beni - I beni saranno consegnati all’aggiudicatario soltanto dopo l'avvenuto integrale pagamento del prezzo, degli oneri fiscali e della commissione.

Tutte le spese relative al trasferimento dei beni sono a carico dell’aggiudicatario.

In caso di pagamento non integrale o di mancato pagamento si procederà come per Legge.

L’aggiudicatario deve provvedere al ritiro entro 5 giorni dall’aggiudicazione.

In caso di mancato ritiro dei beni acquistati, nei termini suddetti, l’aggiudicatario è tenuto, per ogni giorno di ritardo, a corrispondere all'l.V.G. i compensi per il deposito ex D.M. 15/5/2009 n.80.

 

Si informano gli interessati all'acquisto che le informazioni relative alle descrizioni dei beni ricalcano quanto riportato negli allegati. La vendita non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità né potrà essere revocata per alcun motivo. Conseguentemente, l’esistenza di eventuali vizi, mancanza di qualità o difformità, ivi comprese quelli riferibili alle autorizzazioni amministrative, ovvero derivanti da eventuale necessità di adeguamento degli impianti, per qualsiasi motivo considerati, anche se occulti o comunque non evidenziati negli atti messi a disposizione della procedura, non potranno dare luogo ad alcun

  risarcimento, indennità o riduzione del prezzo.

La descrizione delle caratteristiche dei beni da alienarsi è indicativa ed essendo di provenienza giudiziaria (ex art. 2922 c.c. "Nella vendita forzata non ha luogo la garanzia per i vizi della cosa, essa non può essere impugnata per cause di lesione"), sono venduti secondo la formula del "visto e piaciuto", nello stato di fatto e di diritto in cui si trovano, senza alcuna garanzia.